UNA NOTA POSITIVA


Cus Pisa 10 Cinghiali 10

Riceviamo dai Cinghiali e pubblichiamo
Alla fine i dubbi e le incertezze della vigilia si sono sciolti. Non quando le squadre hanno fatto il loro ingresso in campo, come pure è lecito che ci si sarebbe aspettati, ma quando la formazione dei Cinghiali del Setta, confluita quest’anno nella Fortitudo Rugby, si è presentata per il rituale riconoscimento davanti all’arbitro, anche se con 14 giocatori. Una squadra vera con il capitano ed il vicecapitano, ed una squadra che nel corso della gara ha dimostrato di saper giocare a rugby aldilà dei limiti tecnici e di organizzazione del gioco dati per scontati in partenza. Limiti che questi ragazzi hanno saputo compensare mettendoci cuore, grinta ed una grande determinazione nel non voler mollare fino al fischio di chiusura dell’incontro. Onorando con assoluta dignità questa disciplina sportiva e senza nulla togliere, magari in aggiunta, a quello che si può vedere nei campionati di categoria FIR. Questo ovviamente è valso per entrambe le squadre in campo.
La Fortitudo inizia bene segnando per prima con una azione finalizzata dal suo capitano Marco Mello, iniziata nei 22 avversari e sostenuta nell’avanzamento dagli uomini di mischia, che peraltro hanno tenuto per tutta la durata della gara; meta non trasformata dallo stesso realizzatore. Poi viene raggiunta per la parità dalla meta della formazione pisana e successivamente superata dalla seconda meta dei toscani, entrambe non trasformate. Infine raggiunge la parità con la segnatura della meta da parte del giocatore più esperto del pacchetto di mischia Alberto Di Stefano, che finalizza un ostinato avanzamento di tutti gli uomini del reparto; meta non trasformata.
La partita si chiude sul risultato di 10 a 10 con qualche occasione che, con una migliore organizzazione di gioco, avrebbe consentito ai Cinghiali della Fortitudo, che nel frattempo avevano perso un giocatore uscito per infortunio, di portare a casa il risultato pieno nella gara di esordio.
I Cinghiali lasciano così il campo, sostenuti dall’esultanza delle sparute, ma calorose anche se infreddolite, ragazze de “Le Cinghiale Touch Rugby femminile” giunte fin qui a tifare per la squadra, ed intonando tutti insieme “BELLA CIAO”.
Gaetano Aveta

Stefano - 20/01/2016
Grande grinta e cuore da parte dei Cinghiali! Un buon inizio che fa ben sperare per il proseguo della stagione
vigna - 21/01/2016
Grande Gaetano