ECCO I NUOVI PILONI PER IL 6 NAZIONI

IL PRESIDENTE GAVAZZI HA SCOPERTO I SOSTITUTI DI CASTROGIOVANNI


"Di queste franchigie ne ho piene le palle". Il Presidente Gavazzi ha esordito così nella conferenza stampa tenuta a Bologna per presentare le 2 new entry nel clan azzurro. "Qui, se non si muove il sottoscritto in persona - ha continuato il Presidente - si spendono un sacco di soldi e di qualità nemmeno l'ombra".

Scovati nel campionato di Serie B i due neo-azzurri sono uno della Reno e l'altro del Bologna ma in sala stampa si sussurra che la scelta sia stata determinata più che da fattori tecnici da raffinati equilibri sul filo della par condicio.
Il rumeno equiparato, per vestire la maglia azzurra ha rinunciato a quella "Tutta-Nera" dei Salesiani di Bucarest mentre il pilone del Bologna viene da una lunga permanenza nella locale Accademia (delle Belle Arti) dove ha ripetuto tre anni prima di diplomarsi.
Anche per l'ingaggio, assicura Gavazzi, non ci sono stati problemi, nessuna polemica o discussione sui gettoni di presenza, anche perchè il costo dell'operazione è tutta a carico del Presidente in persona che, infilatosi le mani in tasca, ha messo sul tavolo due manciate di gettoni del telefono che erano sventuratamente rimasti chiusi in un cassetto fin dai tempi di Calvisano quando, non avendo ancora il telefono in sede, lui convocava i giocatori dalla cabina di Piazza S. Silvestro.
Nell'ambiente del rugby bolognese si può solo immaginare con quanta soddisfazione è stato accolto il riconoscimento del lungo lavoro che ha prodotto questo risultato, si può solo immaginare, appunto, perchè quando bolognarugby.it ha cercato di intervistare i due presidenti era il momento di pagare il conto del ristorante che ha ospitato l'evento e siamo riusciti soltanto a intravederne uno che prendeva frettolosamente un taxi e l'altro che, inforcata la moto, si allontanava zizzagando sotto il portico.

M'arcopivatelli - 04/12/2015
Più che nuovi piloni, mi sembra più appropriato VECCHI FITTONI