U16: IL PUNTO DI VISTA DEL BOLOGNA


Dal sito del Bologna

Bologna vince il derby con Pieve

A come Anteghini e Ardizoni, B come Burzi, C come Chiuchiolo, F come Ferretti, Frandina e Ferro, M come Munno, Maroccia, Mengoli e Micheler, P come Paolini, Potyrlyu e Philip, R come Rizzoli e Roncaglia, S come Sicuro, T come Testoni e Turrini, V come Vinci. Questi i nomi dei 20 ragazzi scesi in campo oggi alle ore 11 all’Arcoveggio per l’atteso derby Bologna – Pieve.

In una giornata carica di attese e grandi aspettative, i rossoblù sono parsi da subito carichi e concentrati ma non per questo nervosi. In quello che tutti davano come lo scontro al “vertice” per il primo posto, i ragazzi di Sgarzi hanno da subito dettato le regole del gioco: niente sconti, solo combattimento vero.

Passano 10 minuti, il tempo di scaldare i motori e i bolognesi passano in vantaggio con la prima meta subito seguita da una seconda. E’ un duro colpo che mette a dura prova la volontà di vittoria del Pieve. La partita è calda e avvincente, ma sempre nel rispetto del gioco e dell’avversario. Nessuno è disposto a cedere, nessuno vuole perdere come tutti i derby che si rispettano e di questi derby il Rugby Bologna 1928 molti ne ha disputati.

Il gioco è di buon livello, con poche pause e con un buon ritmo, che vede i bolognesi a guidare le danze. Il Pieve ci prova, regge, reagisce, non molla, ma niente da fare: chi continua a segnare mete sono i rossoblù. Le squadre sono corrette nel pieno spirito del rugby e sotto il controllo attento dell’arbitro.

I Bolognesi continuiamo a segnare anche nel secondo tempo, anzi, marcano il territorio e non danno spazio ai ragazzi bianconeri che faticano superare la metà campo. I ragazzi di capitan Paolini non lasciano scampo, determinati e cinici come una squadra matura di veterani.

Le mete sono 9, una per Anteghini, una per Burzi, una per Ferreti, una per Paolini, una per Sicuro, due per Potyrlyu, due per Ferro e due le trasformazioni per Maroccia, estremo sicuro.

La partita si chiude sul 49 a 8 con un risultato che non lascia dubbi né recriminazioni, con un risultato che tiene il Bologna 1928 in vetta della classifica, in attesa di giocare domenica prossima, con i Lions Bologna, un altro derby carico di agonismo e di speranza per entrambi.

Lasciamo ora riposare i nostri leoni, ormai tra le braccia di Morfeo, e lasciamoli godere di questa splendida prestazione, di questa partita che non dimenticheranno facilmente perché le cose belle restano impresse nella memoria.

Buona serata a tutti, ci rivediamo domenica prossima.